novembre 05, 2012

Recensione: E finalmente ti dirò addio

Salve a tutti e buon lunedì. 
Non sto qui a dirvi quanto non mi piace questo giorno della settimana e quanto non mi senta carica il lunedì ma oggi che sono a Londra e mi sto divertendo come non succedeva da tantissimo tempo sono così carica e gioiosa che ho voluto preparare per voi una positivissima recensione all'insegna dell’amore e della sofferenza, dell’amicizia e del bisogno di sentirsi inseriti. 
La ricerca di se stessi è la cosa più importante e dura da affrontare specialmente per un adolescente nel mondo d’oggi dove includersi può sembrare una cosa impossibile, per alcuni. Un mondo dove si fa a gara tra chi è più cool e popolare. 
Il libro di cui vi sto parlando è.. 


Autore: Lauren Oliver 

Titolo: E finalmente ti dirò addio 

Editore: Piemme bestseller 

Pubblicazione: 2010, Novembre 9 

Serie: stand-alone 

Readership: Young Adult 

Genere: contemporaneo, paranormal romance 

Rating: ★★★★ ½


Samantha ha un ragazzo affascinante, tre amiche fantastiche e una popolarità invidiabile. Finché un giorno perde tutto in un incidente, anche la vita. E quando la mattina dopo si risveglia misteriosamente, torna a vivere quel suo ultimo giorno. 
Forse quello di Samantha è solo un incubo, ma se fossi al suo posto che cosa faresti? 
Dove andresti? 
Chi baceresti? 
Fin dove ti spingeresti per salvare la tua vita? 

Recensione

E finalmente ti dirò addio è un libro auto-conclusivo pieno di emozioni e sentimenti contrastanti, di personaggi pieni di voglia di vivere con una distinzione tra finzione e realtà davvero molto sottile. Nato dalla, già conosciuta ed amata, penna di Lauren Oliver, autrice della serie Delirium (qui la mia recensione), si è fatto strada non solo tra le librerie delle lettrici e dei lettori di tutto il mondo ma anche nei loro inconfondibili cuori di inguaribili romantici e romantiche. 
Lo sto descrivendo molto bene elogiando tantissimo eppure c’ho messo una settimana e mezza a finirlo e vi starete domandando come mai. Bene, ve lo spiego subito. 
Questo romanzo mi è piaciuto moltissimo anche troppo e c’ho messo tanto a leggerlo perché avevo voglia di immedesimarmi in Samantha in un modo più profondo, entrare nella sua testa e nel suo cuore. Conoscere e rivalutare i suoi amici e le persone che le stanno accanto assieme a lei. 
Insomma ho voluto essere un personaggio interno, ho preferito essere parte della fantastica storia di E finalmente ti dirò addio. 
Non volevo stare in panchina a guardare ma entrarci. 

La cosa più bella e che si sottolinea subito nella bravura della Oliver non è la sua capacità di creare delle bellissime storie con altrettanto belle ambientazioni. La sua immensa bravura sta nel saper realizzare personaggi con caratteristiche tipicamente reali e coi quali è possibile confrontarsi. Descrivere di problemi, passatempi e modi di dire esistenti. 

La protagonista di questo suo secondo romanzo è Samantha Kingston, una diciassettenne viziata e superficiale con una vita perfetta: ha un ragazzo che tutte le invidiano e un gruppo di amiche ironiche, belle e inconfondibili per le loro battute taglienti e i loro modi di fare troppo schietti. 
Samantha e le sue amiche per quanto popolari e invidiate non sono altro che delle bastarde e stronze ragazzette americane che frequentano l’ultimo anno di liceo e si credono, una ad una, miss mondo. 
All'inizio non ci fai caso, le invidi anche tu anche se inesistenti e frutto della fantasia dell’autrice, ma man mano che prosegui col romanzo ti rendi conto di questo particolare che paragonato a tutto l’insieme della storia è.. insignificante, è nulla. E’ solo una briciola, ed è questo quello che più colpisce e ammalia. 
Non c’è nulla che Sam, Lindsay, Ally ed Elody non possano fare o dire. Per loro è tutto splendido e meraviglioso, il mondo è ai loro piedi e non c’è niente che le potrebbe far cambiare. 
..o quasi. 
Ma è quando arriva, come qualsiasi altro giorno normale ma meraviglioso della sua vita: il 12 Febbraio, che qualcosa sta per cambiare per sempre nella vita e nel temperamento di Sam. 
E’ il Giorno dei Cupidi, uno dei giorni più attesi dell’anno, in cui puoi mostrare la tua popolarità e farti amare ed invidiare ancora di più degli altri tipici giorni. Quante rose riceverai decreterà il tuo livello di adorazione nella scuola. 
Sam vivrà il 12 Febbraio con facendo scherzi alle ragazze sfigate tipo Juliet Sykes, flirtando con il suo professore di chimica attraente e aspettando la sua fatidica “serata speciale” con Rob Cokran, il ragazzo più desiderato della Thomas Jefferson, in modo ossessivo. 
Ma la vita ha tutt'altro in serbo per lei in quel giorno: Sam morirà improvvisamente in un incidente stradale. 
La cosa che Sam non sa è che dopo la sua morte vivere il 12 Febbraio per altre sette volte per cercare di cambiare il suo futuro e quello delle persone che le sono accanto.
Inizialmente non sapevo cosa aspettarmi da un romanzo che ripeteva continuamente lo stesso giorno, con gli stessi personaggi e le stesse situazioni ma posso assicurarvi che la Oliver non delude mai. Propone ogni 12 Febbraio come qualcosa di cui vale la pena leggere, con personaggi accattivanti e rebus da sciogliere. 
Rifarà gli stessi sbagli, cercherà di rimediare, dirà e farà cose che non avrebbe mai osato dire e fare, scaverà nel profondo della sua anima e di quella dei suoi amici, rivalutandoli. 
L’accompagneremo nel corso del suo incubo reale e presente.
La vedremo abbandonarsi a se stessa rifiutandosi di rialzarsi mandando tutto a farsi fottere e gettando la spugna lasciando il combattimento, arrendendosi. Ma la vedremo anche rialzarsi, sempre più forte e più carica di speranza su ciò che la vita e il fato hanno in serbo per lei e, credetemi, hanno per lei un vero miracolo. 
Non solo assisteremo in prima persona al cambiamento repentino interno di Samantha, quel cambiamento che la farà diventare migliore: altruista, sincera, semplice e non omologata alla società e alle amicizie. Ma la guarderemo anche una volta trovato l’amore vero. 
Eviterà ogni giorno (anche se in realtà è sempre lo stesso, di giorno) la morte ma quest’ultima tornerà sempre a lei come una palla-matta. 

E’ chiaro capire che la Oliver affronta temi umani con il suo solito tatto e senza mai esagerare. 

Crea mille situazioni e compromessi nuovi che faranno perdere la testa sia a Sam che a noi lettori, ormai parte integrante di E finalmente ti dirò addio, romanzo Young Adult dalle mille sorprese. 
La penna fluida e brillante della Oliver non stanca mai e rende tutto più facile riempiendo il romanzo d’ironia e divertimento, realismo e voglia di vivere. 
L’autrice è riuscita a dar vita ad un libro forte ed irriverente con un finale che rispetta pienamente il suo solito stile carico di possibilità e suspense. 
Attenzione non credete che E finalmente ti dirò addio sia un romanzo superficiale e tipicamente adolescenziale perché, per ciò che tratta e per ciò che lascia intendere, è adatto anche a lettori leggermente più maturi e a coloro che desiderano qualcosa di più profondo. 

13 commenti:

  1. T'ho incontrata a Londra l'altro ieri tu non hai i capelli rossi lunghi mossi gli occhi verde acqua e sei magra perfetta? Avevi un jeans scuro un maglione nero con dei disegni psichedelici e le converse nere basse e con te c'era una ragazza coi capelli biondi corti con le punte viola e gli occhi azzurri? Avevate una busta di Starbucks e una da Waterstone's.. dimmi se eri tu per favore:)
    Comunque bellissimo blog e bellissima recensione. Sei eccezionale, come donna e lettrice e pianista.

    - Lewie B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emmh..sì ero io assieme alla mia amica Alice, è vero. Non sono così perfetta come mi descrivi ma grazie per questi e tutti i complimenti successivi :)
      Sei davvero gentile! lol
      Tu chi sei??

      Elimina
    2. Mi chiamo Lewie, probabilmente non mi hai mai vista ma io prima ti vedevo molto spesso in giro alla librerie, a qualsiasi luogo. Non sono una stalker eh ahah

      Comunque sei davvero bella, in una maniera impressionante. Adoro i tuoi capelli, sono naturali? E sei altissima, poi.. :)

      Elimina
    3. Che bel nome che hai, complimenti!
      Di nuovo grazie mille per tutti gli elogi, sei dolcissima, Lewie :*

      Elimina
    4. Comunque non sono venuta qui per farti complimenti, anche se sono super meritati. :)
      Volevo chiederti se hai alcuni romanzi da consigliarmi che ti sono piaciuti un botto. E poi volevo sapere se Cime tempestose e Orgoglio e Pregiudizio ti sono piaciuti. E cosa ne pensi di William Shakespeare.
      Grazie x

      Elimina
    5. Sono lieta di rispondere alle tue bellissime domande.
      Mmmh.. allora..
      I libri che ti consiglio sono quelli che consiglio un po' a tutti ma sono anche quelli che ritengo siano i più belli perché non so che genere apprezzi. Ti consiglio: Shiver di Maggie Stiefvater, Colpa delle stelle (The fault in our Star) di John Green, The sky is everywhere di Jandy Nelson e.. Cime tempestose.
      Come puoi ben capire mi è piaciuto moltissimo, da pazzi. Sono ossessionata da quel romanzo, è il mio preferito in assoluto. Orgoglio e Pregiudizio mi è piaciuto lo stesso ma non in egual modo perché credo che Cime tempestose sia insuperabile! Credo che la Austen abbia voluto evidenziare gli aspetti della società inglese ottocentesca e c'è riuscita bene ma non è riuscita a colpirmi come la Bronte.
      William Shakespeare.. potrei dire mille cose su quest'autore meraviglioso ma ti dico solamente che in questo caso non posso aiutarti. Shakespeare va interpretato ed ognuno lo fa in modo diverso. Io lo amo in modo incondizionato, ho letto tutte le sue opere e i suoi sonetti e ne custodisco un ricordo fantastico ma conosco moltissime persone a cui non è piaciuto per niente.
      Forse non piace perché descrive gli aspetti, anche quelli che vorremmo nascondere, dell'animo umano o forse perché dicono sia pesante, come lettura. Io trovo invece che sia straordinario e che le sue opere e sonetti scorrano come l'acqua.
      Tutto qui,
      x

      Elimina
    6. Allora mi fido ciecamente di te, hai risposto in modo spontaneo e sincero. Thank you :*
      - Lewie

      Elimina
  2. Before I Fall...l'ho amato!!!
    Come Delirium,del resto!
    Però la Oliver con questi finaloni tristi...mi manda in depressione x settimane! :)
    Donna crudele!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Oliver è così ed è per questo che la amiamo, almeno credo! È fantastica, non vedo l'ora di poter leggere qualcos'altro di suo:)

      Elimina
  3. Come la maggior parte dei lettori ho conosciuto la Oliver grazie a "Delirium" e mi sono letteralmente innamorata del suo stile. Non ho ancora letto "E finalmente ti dirò addio" ma lo farò molto presto! Bella recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio col cuore. È un romanzo romantico e realistico, in un modo impressionante..
      Thanksss, Sara! :)

      Elimina
  4. Non si può non amare questo libro, è perfetto ca**o! Uno dei miei preferiti che ha contribuito a farmi amare la Oliver ancora di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul mio blog le stelline non sono bene accette, tutte le parole sono buone. Devi dirlo, cazzo! LOL
      Comunque concordo :)

      Elimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!