settembre 23, 2012

Recensione: Wicked - I segreti delle sorelle Cahill

Salve! Torno sul blog per una recensione di un romanzo uscito a Giugno che mi ha lasciato un bel ricordo ma al tempo stesso un po' di amaro in bocca. Vi spiegherò meglio e con calma più sotto. 

Autore: Jessica Spotswood 

Titolo: Wicked. I segreti delle sorelle Cahill 

Editore: Sperling & Kupfer 

Pubblicazione: 2012, Giugno 12 

Serie: THE CAHILL WITCH CHRONICLES #1

Readership: Young Adult 

Genere: paranormal romance, storico

Rating: ★★★ ½


Cate Cahill ha sedici anni e una grande responsabilità: ha promesso alla madre morente di proteggere sempre le sorelle. Un compito tutt’altro che facile, visto che le tre sorelle Cahill sono streghe. E visto che una crudele confraternita di monaci le perseguita per metterle al rogo. Grazie al diario della madre, Cate scopre l’esistenza di un’eccentrica libraia e di suo figlio, il bellissimo Finn. Cate e Finn leggono i Libri Proibiti, dove si parla di un’antica profezia che sembra riguardare proprio le sorelle Cahill.

Recensione

Devo dirvi la verità: non sono sempre stata un'amante dei fantasy, dei distopici e dei romanzi paranormali. Ebbene sì quando avevo quindici anni leggevo esclusivamente i romance storici.. quelli ambientati nell'ottocento con protagoniste audaci e principi azzurri tutti da invidiare, non so se avete presente! Successivamente cambiai genere ma non perché non mi piacesse quello precendente ma perché avevo bisogno di qualcosa di più forte e più complicato di una storiella d'amore di quattro soldi così mi dedicai interamente al genere che oggi posso definire preferito ed adatto alla mia persona. 
Wicked - I segreti delle sorelle Cahill mi ha fatto tornare indietro nel tempo non solo facendomi assaporare le emozioni che un tempo prendevano il sopravvento in me, ma anche riuscendo a farmi immaginare in un gardino pieno di fiori bellissimi la cui aria trasmette dolore, malinconia ed amore. 
Un romanzo intrigante, pieno di sorprese, suspence e - mio malgrado - anche di cliché che stonato e sminuiscono il romanzo in questione. 
La Spotswood ci parla delle streghe  - persone umane con poteri ultraterreni - che, pur di salvare le persone che amano, sono in grado di andare incontro ed affrontare il crudele destino che le è stato prescritto. 
Narrato al presente storico e in prima persona da Cate Cahill, la sedicenne protagonista delle avventure avvincenti, e al contempo indesiderabilii, questo romanzo si presenta ben articolato e con parecchi segreti da nascondere. 
Cate è la maggiore di tre sorelle orfane di madre su di cui è posta tutta la responsabilità delle minori, Maura e Tess. Queste ultime, vivaci ed ingestibili, faranno perdere molte volte la testa alla nostra protagonista creando scene ironiche ed allegre all'interno di un romanzo in cui l'oppressività da parte del governo è molto presente. 
Cate non solo deve mantenere la promessa fatta alla madre riguardo Maura e Tess, ma anche tenere lontani gli occhi indiscreti dei Fratelli, puntati su di loro fin dall'inizio delle loro vite in quanto donne e studiose. 
Una cosa molto importante che i Fratelli non sanno e che le porterebbe alla rovina del loro essere è che in realtà loro tre possegono un dono molto forte e temuto da questi ultimi: la magia. Sì, Cate, Maura e Tess sono delle streghe. 
Costrette a nascondersi da una vita nella loro enorme casa e a non praticare incantesimi al di fuori delle loro mura riescono a non creare sospetti. Ma loro non sanno che la fine è vicina, che loro in realtà sono le tre sorelle di cui parla la profezia. 
L'autrice ha saputo farci immedesimare in un mondo magico e corrotto in cui la paura ed il terrore aleggiano in ogni donna e la spingono a guardarsi continuamente intorno,a non essere così fiduciosa, frivola e superficiale come dovrebbe. Un mondo in cui molte volte non è importante e non regna la giustizia, in cui ribellarsi vuol dire soffrire ed essere streghe è sbagliato, disumano e cattivo. In cui i Fratelli condannano queste ultime a dolori - non solo fisici - atroci e insopportabili . 
Quando per Cate arriverà il momento di scegliere tra il matrimonio e la Sorellanza, tutto nel suo mondo verrà capovolto. Nuove emozioni si faranno strada in lei grazie all'aiuto di Elena, una Sorella chiamata dal padre per farla diventare una donna rispettabile e, soprattutto, desiderabile. 
Il debutto in società, le nuove amicizie e la ricerca di un marito dovranno essere per lei le uniche preoccupazioni in un universo in cui lei potrebbe essere ciò che le streghe hanno bisogno per vivere in pace e allo scoperto. Un peso troppo grande per un'adolescente che vuole solo essere normale.
Il sentimento più forte e potente di tutti si farà strada in lei: l'amore, grazie ad un ragazzo irresistibile che non solo le farà perdere la testa e scioglierà l'anima ma anche capire cos'è più giusto in un mondo del genere. 
Cate si dibattirà tra due scelte importanti e due uomini attraenti che ci faranno palpitare il cuore fino all'ultima pagina di questo sensazionale libro. 
Wicked - I segreti delle sorelle Cahill è un romanzo storico molto particolare che delizierà il palato delle amanti delle storie proibite ma non quello delle storie paranormali. Scritto in modo semplice e classico ammalia chinque, chi più e chi meno. 
Trovo che la parte romance di Wicked sia stata ben curata e studiata nei minimi dettagli. Finn e Paul, i due pretendenti di Cate, sono entrambi desiderabili anche se in modo diverso e le situazioni che creano sono da capogiro. Ma credo che la parte paranormale sia stata un po' trascurata. Se non fosse per la continua ricerca della profezia, alcuni incantesimi buttati per sbagli dalle tre sorelle e qualche rivelazione scoppiettante la magia sarebbe stata un elemento di poco conto. 
Ho apprezzato tutti i personaggi in quanto ben dettagliati, specialmente Cate, Maura e Tess. La prima paranoica, infantile, autoritaria ma molto forte e coraggiosa, con una dose di generosità ed autocontrollo pari a centomila. La seconda molto più ribelle e misteriosa con una passione indescrivile per i romanzi rosa e una chioma rosso fuoco. La terza, la più piccola, è la più intelligente e pacata. Con uno spirito d'osservazione davvero notevole.

Nonostante tutto - i cliché, il poco interessamente verso la parte fantasy - credo che la Spotswood si sia impegnata per rendere il suo romanzo degno di un voto accettabile ed è quello che è riuscita a fare. 
Io però confido un miglioramento nel sequel ovviamente e spero di non rimanerne delusa!

7 commenti:

  1. Se Hazel si decide a ridarmelo lo leggo una volta per tutte.
    Splendida review,Ron :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. daaai te lo do io,al. grazie,sei un amore <3

      Elimina
    2. quanto t'ho amato e quanto t'amo non lo sai.. :')

      Elimina
  2. Concordo con Alice! Non mi ispirava più di tanto, ma adesso è il momento di dargli una possibilità! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille,mik! sì merita d'essere letto :)

      Elimina
  3. Bella recensione, Ronnie!
    Io ce l'ho in libreria (l'ho vinto in un concorso su fb), ma ancora non mi decido ad iniziarlo... però mi hai incuriosito molto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie,matt. secondo me dovresti dargli una chance,giusto per provare e vedere cosa ne pensi no? ^^

      Elimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!