luglio 03, 2012

Recensione: Red Love. Rosso come il sangue freddo come l'acciaio

Ciao amici! 
Dopo una lunga assenza - causa viaggio in Irlanda di cui vi parlerò prossimamente - eccomi qui con una recensione nuova di zecca di un libro che mi ha colpito moltissimo, superando le mie, già alte, aspettative. 
Sto parlando di .. 

Autore: Kady Cross

Titolo: Red Love. Rosso come il sangue freddo come l'acciaio

Editore: Newton Compton

Pubblicazione: 2012, Maggio 24

Serie: THE STEAMPUNK CHRONICLES #1

Readership: Young Adult

Genere: steampunk

Rating: ★★★★★


Londra, 1897. 
Un uomo, conosciuto come il Macchinista, è il regista occulto di una serie di strani crimini commessi da macchine. Griffin King, il Duca di Greythorne, è determinato a scoprire la sua identità e a svelare i suoi piani con l'aiuto degli amici Sam, Emily e Jasper. Ma il Duca decide di rivolgersi anche a Finley Jayne, una ragazza con un lato oscuro e in possesso di una forza fisica soprannaturale, che stravolgerà la sua esistenza. Finley è bella, intrigante e sensuale, e non tutti, all'interno del gruppo al quale si è unita sono pronti ad accettarla. 
Intanto i piani orchestrati dal Macchinista diventano sempre più pericolosi: il Duca e Finley riusciranno a fermarlo prima che sia troppo tardi?

Recensione

Innanzitutto voglio dire due cose prima di iniziare. Numero uno: non capisco perché, e non sono l'unica, la Newton Compton abbia cambiato totalmente il titolo che, tra l'altro, non c'entra nulla con il romanzo. Sarebbe stata più gradita ed appropriata una traduzione letterale del titolo originale: La ragazza nel corsetto di ferro. Numero due: grazie alla petizione di Glinda del blog Atelier dei Libri la casa editrice ha mantenuto la cover originale che è a dir poco bellissima. 
Detto questo, possiamo addentrarci nella trama di questo favoloso libro. 
La storia è ambientata nel 1897, un'epoca stravagante dove invenzioni tecnologiche da brivido prendono il sopravvento. Si narra in terza persona in modo tale che il lettore può apprezzare ogni singolo personaggio e conoscere i suoi pensieri quando più ne necessita. 
La protagonista, Finley Jayne, è apparentemente una ragazza normale, bella e sensuale. Ma in realtà nasconde una parte oscura dentro di se, forte e tenace, che lei non riesce a controllare. Le domande che noi lettori ci poniamo all'inizio della lettura sono moltissime, ma vengono messe tutte a tacere man mano che si procede nella lettura.
Dopo uno scontro avvenuto con un ricco ed arrogante ragazzo, Finley, scappa per la terza volta e incidentalmente incontra Griffin, non un uomo qualsiasi ma bensì il duca più ricco e affascinante di Londra. Griffin la porta con se nella sua enorme casa e le fa conoscere tutte le strane persone che vivono assieme a lui. 
Inizialmente Finley non si sente parte della casa e tutto le sembra troppo per lei che altro non è che un mostro, ma col passare del tempo si creerà un posto in quella dimora, e nel cuore di ogni abitante di essa, del tutto rispettabile.
Griffin non è neanche un semplice duca, non partecipa alle feste mondane, non si fa adulare da tutto quel lusso che lo circonda. Grazie ai suoi amici e alla tecnologia che lo circonda lui governa e protegge il Paese, come nessuno potrebbe fare al suo posto. Inoltre sta indagando da molto tempo sul Macchinista, il criminale che minaccia la sicurezza di tutti quanti. Una persona subdola che uccide senza pietà e che ha in programma un terrificante progetto.
Tra battaglie e scoperte raccapriccianti, Kady Cross, è riuscita ad inserire anche un pizzico d'amore e di lotta alla conquista nella sua fantastica storia. 
Sono entrata subito nel vivo del romanzo, travolta dalla bellezza dell'ambientazione storica, dall'originalità delle caratteristiche e dallo stile dell'autrice. Kady Cross ha una penna matura e decisa, fresca e mai stancante. E' riuscita a farmi ridere, a farmi tremare di paura e a farmi, anche, rigare le guance con qualche lacrima. Non sono rimasta affatto delusa da questo tomo come è successo con alcuni libri che ultimamente ho letto - ad esempio Matched di Ally Condie (qui la mia recensione) - anzi, leggendolo ho avuto il colpo di grazia. Non credevo sarei entrata mai entrata in questa specie di adorazione per l'autrice e per il modo, egregio, con cui scrive e invece.. 
Tra l'altro non sapevo che aspettarmi dato che non avevo letto nulla del genere steampunk prima d'ora, ma adesso me ne pento. Questo genere ha tutti i requisiti per diventare uno dei miei generi preferiti. 
Comunque per quanto riguarda i personaggi non posso dire nulla: mi hanno incantata uno ad uno, nessuno escluso. 
Finley è una ragazza forte ma allo stesso tempo fragile come un piatto di porcellana nelle mani di un bambino. La sua determinazione è forte tanto quanto la sua tristezza. Uno di quei personaggi che ti entrano nel cuore, anche se non il mio preferito del romanzo.
Griffin e Jack, i due "pretendenti" mi sono sembrati curati nei minimi particolari. 
Quello di Red love. Rosso come il sangue freddo come l'acciaio non è un triangolo amoroso standard, anche se si riscontrano alcune somiglianze. Non arrivi ad odiare uno dei due spasimanti - come mi è successo con Twilight di Stephenie Meyer - bensì non sai a quale team schierarti. Io dopo vari ripensamenti ho deciso TEAM GRIFFIN, il team del bel duca dagli occhi azzurro-grigio che è anche il personaggio che mi è piaciuto di più nel tomo. 
Jack, il ricco criminale che corteggia Finley, mi è entrato nel cuore ugualmente. E' una sorta di diavolo dall'aspetto irresistibile. 
Con Griffin vivono i suoi amici più fidati: Emily, Sam e Jasper. 
Emily, la dolce e piccola Em, è un genio. La ragazza più intelligente di cui, probabilmente, io abbia mai letto. Dietro ai suoi occhialoni si nasconde una ragazza forte, anche se non lo da a vedere. 
Sam è un omone pieno d'orgoglio e risentimento fatto per metà di carne ed ossa e per metà di metallo, quest'ultima metà è più presente di quanto lui crede. 
Jasper, il cowboy americano, è il personaggio che la Cross ha lasciato più in sospeso. Non lo ha approfondito molto forse perché ha intenzione di farlo nel sequel, dato che ci lascia un po' nel dubbio. 
Il Macchinista è l'antagonista della faccenda, il personaggio che solitamente si odia. Ho detto solitamente perché io non l'ho odiato. No. L'autrice ha saputo creare un personaggio degno di rispetto, ben delineato. Nonostante lui sia colui che crea ed ha creato parecchi problemi ai nostri protagonisti e agli antenati di essi. 
Insomma dopo tutti questi elogi gratuiti all'autrice al suo romanzo, non mi resta che dire: "Red love. Rosso come il sangue freddo come l'acciaio" è entrato nella lista dei miei listi preferiti, senz'altro. Lo consiglio a chiunque!

14 commenti:

  1. inizialmente non mi ispirava molto, un pò credo anche per il titolo ma penso che alla fine lo leggerò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lasciartelo scappare, Arianna. A me è piaciuto da morire :)

      Elimina
  2. Bella recensione, Ronnie! :)
    Mi incuriosisce molto questo libro, lo leggerò!
    E sono d'accordo sul titolo -_-
    Bentornata! :) Che invidia, anche io voglio vedere l'Irlanda!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Matt. Ti consiglio sia il libro che l'Irlanda: fantastici :)
      Grazie per il bentornata, mi mancava molto il blog..

      Elimina
  3. Uh!! Sono così contento che ti sia piaciutooooo! ^^ Ottima recensione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh grazie Jean, sei troppo gentile :D

      Elimina
  4. Ti è piaciuto tanto! Bene dai mi fa piacere :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissimo! Me ne sono innamorata completamente :)
      Ho visto che invece a te è piaciuto poco..

      Elimina
  5. Ciao Ronnie! Ho letto ed amato questo libro. Adesso come te aspetto con entusiasmo il prossimo anche se l'attesa è estenuante :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Iran! Hai creato un account come ti avevo consigliato :)
      Comunque e sì l'attesa è estenuante. In realtà io potrei comprare il sequel essendo a Londra ma stonerebbe sulla mia libreria dato che il primo è italiano. Mi tocca aspettare :/

      Elimina
    2. Noto con piacere che sei come me!
      Io sono molto attenta alla grafica e li tengo disposti in ordine di colore! Ogni volta che mia madre spolvera gli faccio una predica!! Ma ho ragione!Non potrebbe alzare il libro e spolverare,alzare l'altro e spolveralo e così via!!!E ogni volta li devo aggiustare.Ma ormai ho imparato un metodo:mi sono scritta i nomi dei libri da destra a sinistra così vedo e li ricompongo facilmente:)

      Elimina
    3. Ah io faccio tutto da sola o assieme a mio padre.. :)

      Elimina
  6. Bellissima recensione Ronnie, come sempre. Red love. Rosso come il sangue freddo come l'acciaio è in libreria proprio qui di fronte che mi guarda con aria di sfida del tipo: "Leggimi. Leggimi. Leggimi. Leggimi. Leggimi. Leggimi" haha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me succede con moltissimi romanzi ahah. Ti consiglio di leggerlo immediatamente, Al :)

      Elimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!